01.06.2017

ITSRIGHT AL CONSERVATORIO DI COMO PER IL DIBATTITO SULLE PROFESSIONI DELLA MUSICA.

Como, 9 giugno 2017


ITSRIGHT 
parteciperà a una tavola rotonda sui mestieri della musica, evento in programma il 9 giugno 2017 a Como e organizzato dal Conservatorio Giuseppe Verdi, in collaborazione con il Liceo Musicale Coreutico Giuditta Pasta di Como. 

L’evento rappresenta un’occasione per confrontarsi - grazie al contributo di autorevoli protagonisti del settore musicale - sui temi specifici ‘dell’impresa creativa’: un’opportunità per riflettere sul ruolo del musicista inteso come professionista e sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore e il contributo della formazione artistica in una società produttiva. 

All’incontro parteciperanno: Enzo Fiano (Presidente del Conservatorio ‘Giuseppe Verdi’ di Como), Carlo Balzaretti(Pianista e Direttore del Conservatorio ‘Giuseppe Verdi’ di Como), Roberta di Febo (Fondatrice e Direttrice dell’Accademia di Musica e Danza ‘Giuditta Pasta’ e Fondatrice e Presidente del Liceo Musicale e Coreutico ‘Giuditta Pasta’), Gianluigi Chiodaroli (ITSRIGHT), Aldo Ceccato (Direttore d’Orchestra), Antonio Monzino (Presidente Dismamusica), Cecilia Chailly (Arpista, Interprete, Compositrice), Claudio Buja (Presidente Universal Music Publishing Ricordi), Cristiano Ostinelli (Direttore Generale Casa Ricordi), Fabio Sartorelli (Docente di Storia della Musica presso il Conservatorio di Como e Docente di ‘Ascolto della Musica Classica’ presso l’Accademia del Teatro alla Scala di Milano), Fulvio Brambilla (Direttore della Fondazione Civica Scuola di Musica e Danza – Polo delle Arti di Desio), Marcello Misitano (Business Affairs).

www.conservatoriocomo.it

Clicca qui per saperne di più.



ARCHIVIO NEWS

2018   2017   2016   2015   2014   2013   2012   2011  

ARCHIVIO COMUNICATI

2016   2014   2013   2012  
23.03.2016

DDL CONCORRENZA E MERCATO MUSICALE: GLI ARTISTI SOSTENGONO LA LINEA DEL SENATO. CANTANTI E MUSICISTI DEVONO POTER GESTIRE, IN AUTONOMIA DAI PRODUTTORI, I COMPENSI SULLA MUSICA.

Approvato in Commissione Industria al Senato un emendamento che abolisce l’esclusiva dei discografici sui diritti connessi e allinea l’Italia ai modelli europei. Storico passo avanti per la piena liberalizzazione del mercato dei diritti degli artisti