05.07.2012

Scontro sulle liberalizzazioni. Gli artisti: "Monti liberalizza, i burocrati insabbiano tutto. Via i freni all'azione di Governo e all'apertura del mercato dei diritti di attori e cantanti".

Ad oggi manca ancora il decreto che deve attuare nel concreto la liberalizzazione del mercato dei diritti connessi degli artisti del cinema e della musica. Presentata un’interrogazione parlamentare della Sen. Simona Vicari (PDL).
Milano, Roma 5 luglio 2012 – Il mondo della cultura esprime sconcerto. Il mercato dell’intermediazione dei diritti degli artisti, interpreti ed esecutori rischia l’impasse. È ancora ferma ai blocchi di partenza la liberalizzazione dei diritti connessi, quei compensi - diversi dal diritto d’autore - che spettano ad attori e interpreti musicali, ogni volta che vengano utilizzate (es. da tv, radio, in luoghi pubblici, attraverso le nuove tecnologie) registrazioni musicali e opere audiovisive (film, fiction ecc.). 

A denunciarlo è stata un’interrogazione parlamentare presentata dalla Senatrice Simona Vicari del PDL
, relatrice della legge di conversione del decreto legge sulle liberalizzazioni. 
Ad oggi, nonostante siano ampiamente trascorsi i termini di legge, a tre mesi dall’entrata in vigore della legge sulle liberalizzazioni - che ha aperto alla concorrenza il mercato dei diritti connessi – non è ancora stato emanato il decreto attuativo che deve stabilire i requisiti minimi che ogni nuovo intermediario dovrà avere per operare nel mercato. Non solo: funzionari dell’esecutivo propongono interpretazioni delle norme in netto contrasto con il percorso ‘pro-liberalizzazioni’ promosso dal Governo Monti. 

“Le liberalizzazioni rischiano di essere affossate. I nuovi operatori faticano a ritagliarsi uno spazio nel mercato. Senza il decreto attuativo l’intero settore dei diritti connessi viaggia con il freno tirato. Ci siamo assunti tutti la responsabilità di cambiare le cose per modernizzare il mercato, coinvolgendo e rendendo più consapevoli e partecipi gli artisti nella gestione dei propri compensi. È arrivato, dunque, il momento di passare dalle parole ai fatti”, ha commentato Gianluigi Chiodaroli, Presidente di ITSRIGHT, società che gestisce, dal 2010, i diritti connessi di oltre 300 artisti musicali e di numerosi produttori discografici.

“Per trenta anni i nostri diritti sono stati gestiti da un monopolio di fatto privo di trasparenza che è stato estinto per incapacità di raggiungere il proprio scopo statutario, cioè quello di raccogliere e distribuire i compensi spettanti agli artisti (al punto di aver accumulato nelle proprie casse oltre 130.000.000.00 di Euro, del cui destino non sappiamo ancora nulla). Dopo tre anni di battaglie abbiamo finalmente ottenuto che la legge facesse chiarezza sul fatto che non esiste e non ci potrà mai essere alcun monopolio legale sulla gestione dei diritti privati. Siamo sicuri che il Governo completerà il suo percorso ed emanerà a breve il Decreto attuativo come previsto dalla Legge in modo da consentire agli artisti l’effettivo controllo nella gestione dei propri compensi” , ha aggiunto Cinzia Mascoli, Presidente di ARTISTI 7607, Associazione alla quale sono iscritti oltre 1200 artisti del cinema e nel cui direttivo compaiono, tra gli altri, Elio Germano, Neri Marcoré e Claudio Santamaria.
 

Artisti del cinema e della musica attendono ora, dunque, che il Governo emani il decreto attuativo per garantire nuovo sviluppo competitivo al mercato. Con il Decreto Legge nr. 1/2012, confermato da un’ampia maggioranza parlamentare, il Governo Monti ha, infatti, inteso allineare il mercato italiano dei diritti connessi ai modelli adottati da tempo nei paesi europei più evoluti inibendo, definitamente, ogni tentativo di imporre posizioni monopolistiche nella gestione dei diritti connessi. 

La necessità di modernizzare il sistema di rappresentanza dei diritti degli artisti in Italia, ha trovato dunque espressione nella linea adottata dal Governo che ha inteso, così, introdurre nel mercato elementi di maggior trasparenza ed economicità di gestione, riaffermando così, la libertà di operare nel settore a più organizzazioni e imprese, come ITSRIGHT e ARTISTI 7607.

Per saperne di più sulla vicenda dei diritti connessi, guarda il video UNA COMMEDIA ITALIANA CHE NON FA RIDERE.

ARCHIVIO COMUNICATI

2016   2014   2013   2012  
05.07.2012

SCONTRO SULLE LIBERALIZZAZIONI. GLI ARTISTI: "MONTI LIBERALIZZA, I BUROCRATI INSABBIANO TUTTO. VIA I FRENI ALL'AZIONE DI GOVERNO E ALL'APERTURA DEL MERCATO DEI DIRITTI DI ATTORI E CANTANTI".

Ad oggi manca ancora il decreto che deve attuare nel concreto la liberalizzazione del mercato dei diritti connessi degli artisti del cinema e della musica. Presentata un’interrogazione parlamentare della Sen. Simona Vicari (PDL).
22.05.2012

PRIME LIBERALIZZAZIONI NEI FATTI. ARTISTI CINEMA E MUSICA SI ALLEANO: NASCE LA PRIMA IMPRESA PER LA GESTIONE CONGIUNTA DEI DIRITTI CONNESSI

A poche settimane dall’approvazione del Decreto Monti, attori, cantanti e musicisti avviano un progetto di libera gestione dei compensi degli artisti.
26.03.2012

VIA LIBERA AL DECRETO MONTI. GLI ARTISTI ESULTANO: LA LIBERALIZZAZIONE DEI DIRITTI CONNESSI è LEGGE.

Fine del monopolio IMAIE. Sì a un mercato aperto a più operatori. Gli artisti saranno liberi di scegliere a quale struttura affidare la gestione dei propri compensi.

ARCHIVIO NEWS

2018   2017   2016   2015   2014   2013   2012   2011  
23.05.2018

ITSRIGHT AL MEDIMEX 2018

Venerdì, 8 giugno: panel dedicato ai diritti connessi
15.05.2018